Le radici sono......ovunque Tu ti senta a casa!!

Quanto è importante conoscere le proprie radici?

E quanto è affascinante e, a volte doloroso, fare quel viaggio all'indietro che ci da modo di sapere tanto di noi?

A volte ci capita di non sentirci bene in famiglia, nel luogo che a noi dovrebbe essere più familiare al mondo e ci sentiamo in colpa per questo.

Voglio dirti che è una cosa non solo normale ma anche tanto diffusa e so bene quale dolore provochi.

Ma questo non vuol dire affatto che tu non abbia radici anzi...

Spesso penso alle mie radici alle radici della mia vita, della mia esistenza che per molto tempo non ho trovato. Non c’era mai un posto in cui sentirmi a casa, a cui appartenere.

Nasco a Roma da genitori genovesi e strappati alla loro città dopo una tragedia. È lì che lasciano il loro cuore i loro affetti le loro abitudini. Un po una fuga con la speranza di dimenticare il passato e cominciare la loro vita in un posto nuovo. Dimenticare il dolore per ricominciare.

Non è mai successo ( di dimenticare il dolore); ho capito dopo che se il dolore non lo si affronta si rimane intrappolati. E, così è successo a mio padre.

Viviamo e cresciamo Roma più di 40 anni fa con il tentativo di mantenere quelle radici solide e quel l'appartenenza forte a Genova. Sarà per questo che frequento genovesi che vivono a Roma da sempre.

Si fa fatica ad inserirsi in quel nuovo mondo quando le distanze erano davvero insormontabili . Noi romani si, ma di appartenenza genovese ci si sentiva un po fuori luogo. Ricordo che io ero l'unica a potare  un kilt ed i calzettoni di cotone nella mia classe e mio fratello i pantaloni corti come si usava nella Genova bene. Ma noi........eravamo romani.

E poi tutte le vacanze che si potevano a Genova dove i parenti sorpresi ci dicevano  "ma come parli romano"...... Ma io ero romana!!

E non sentirsi mai nel posto giusto e non sentirsi mai di appartenere ad un luogo. A Roma eravamo diversi a Genova eravamo i romani.

Poi è arrivata la Sicilia nel 1981: Siracusa; e lì per la prima volta sentirsi si diversi ma tanto vicini e accolti e amati e finalmente avere trovato un posto dove sentirsi a casa. È' stato così anche per mio padre.

Ed ho capito a distanza di anni che le radici che andiamo cercando sono esattamente dove ci sentiamo a casa . Che non importa che sia un posto dove siamo cresciuti o meno. Importa solo quello che senti. Credo di avere radici in molti posti. Ma dove sento amore io mi sento a casa.

Dove sono le tue radici? Qual'è quel posto in cui ti senti amato, accolto, dove senti di poterti esprimere al 100% senza riserve?

Che straordinaria sensazione è quella? no? E che valore ha nella vita poter provare quella sensazione? per me è la ricchezza più grande!

erchè non cominciare da oggi a costruirsi le proprie radici? Scegliere, un'amica, un amico, un compagno o una compagna o un gruppo di amici che decidi consapevolmente di far diventare le tue radici? 

Non è sempre detto che il luogo in cui ci sentiamo a casa sia la nostra casa ma non è nemmeno detto che fuori da quel luogo, invece, non ci si possa sentire perfettamente a casa.

Oggi a Genova i cugini oggi mi accolgono, a Roma la mia famiglia mi aspetta, a Siracusa la mia famiglia acquisita mi ama. Le radici sono in ogni luogo in cui senti quell'amore incondizionato per cui non importa se si è davvero parenti affini o altro....Per  quella persona sei la piccola di casa, indifesa, sempre da proteggere e di cui preoccuparsi. Si chiedono se hai mangiato, dove dormi, se è tutto ok. Si preoccupano che tu sia al sicuro.

Le radici sono dove vogliamo finalmente riconoscere ed accettare di essere amati. Le mie radici oggi sono in molti posti e sono forti e robuste. E ringrazio Dio di aver imparato a riconoscere quell'amore.....