Quanto è difficile sapersi mettere in discussione - la mia storia

Spesso mi capita di entrare in relazione con persone che dichiarano di voler cambiare la loro vita perchè soffrono e, per questo motivo, di volersi guardare a fondo ma che poi, in realtà, resistono, e lo fanno in un modo molto tenero ed inconsapevole. Da una lato soffrono, stanno male e sentono che non possono far altro che mettersi in discussione, dall’altro resistono con tutte le loro forze senza rendersene conto per mantenere quell’equilibrio così “familiare” ma anche così doloroso. Stanno agendo una scelta : non mi muovo da qui!

Ho capito proprio sulla mia pelle tutto questo, negli ultimi tempi, quando credevo di aver rallentato il ritmo del mio viaggio di conoscenza. Dopo anni che lavoro con impegno e per scelta sulla mia crescita personale, come professionista si ma anche come persona (è una questione di coerenza per me) , senza paura, o almeno in questi anni ho fatto del mio meglio. Ed ero sicura di aver raggiunto un buon livello, fino a quando…..

Fino a quando non ho deciso di intraprendere un percorso di specializzazione sulle Persone Altamente Sensibili, cosa che mi riguarda e che mi interessa da anni. Ci sono ricerche interessantissime sul tema, così pensavo, guardando la cosa un pò dall’esterno, da professionista dell’aiuto.

Ma ci sono caduta dentro, questa è la bellissima verità che mi è capitata.

Read More

Cosa posso fare per riconquistare l'amore dell'altro?

Quando mi chiedono “Cosa posso fare per riconquistare l’amore dell’altro”?, la mia risposta, senza alcuna pietà, è “NULLA, non puoi fare più nulla”.

Non è sempre vero naturalmente e non in tutti i casi ma, certamente, quando una relazione di anni finisce perchè il partner o la partner dichiara di non essere più innamorato, chi resta può fare ben poco. Spesso non serve più dimostrare l’amore nei confronti dell’altro o promettere di cambiare le cose perchè, se il partner è sincero nel dirci che non ci ama più, qualcosa è morto per sempre.

Dal mio punto di vista, possiamo fare molto per non smarrirci durante la relazione, prendendoci cura dell’altro, accettando il suo modo di essere, magari tanto diverso da noi. Lasciando uno spazio per il 50% dell’altro.

Lasciare uno spazio del 50% per l’altro, sembra una banalità ma non lo è. Le coppie che incontro e che sono in crisi, tentano per anni, durante la relazione, e con tutte le loro energie,di far cambiare l’altro; di farlo diventare quello che loro desiderano sia, dimenticando che, facendo così, l’altro tende ad evaporare. Se desidero occupare una relazione con tutto il mio 100%, non ci sarà più spazio per il 50% dell’altro. Ci sono poi buoni equilibri da 70% e 30% o anche meno 90% e 10%…..ma sono equlibri precari che possono rompersi da un momento all’altro. Per questo è bene trovare con l’altro un equilibrio al 50%, giorno per giorno ed è un lavoraccio!

Non so dire come mai molti di noi hanno pensato, nel passato, o lo pensano ancora, di poter occupare il 100% di una relazione, ma così stanno le cose. Credo che la favola di cenerentola, con cui molte di noi “ragazze” è cresciuta, non ci abbia aiutate, ma la verità è che le relazioni sono una cosa molto diversa da quello che abbiamo voluto credere durante la nostra infanzia.

Come mai nessuno ci insegna a stare in una relazione rispettando l’altro e mettendo da parte un grosso pezzo di noi? Se desidero avere una relazione equilibrata devo saper mettere dal parte un mio 50%. So farlo? Me lo hanno insegnato? Posso impararlo?

Comunque sia, quando uno dei due dichiara di non essre più innamorato, l’altro soffre e sente di non poter fare più nulla. Dalla mia esperienza personale e professionale però c’è una cosa molto importante che possiamo fare, non per riconquistare l’altro ma per soppravvivere e poter tirare su la testa: decidere dove stare!

Di fronte ad una situazione del genere, in cui sono stata lasciata, posso decidere cosa fare: posso decidere di dare tempo al mio partner che si chiarisca le idee e magari torni da me o posso decidere di non voler aspettare e ricominciare a farmi una vita senza di lui o lei.

Direte “ma le cose non cambiano”……. e invece cambiano moltissimo perchè io, decidendo cosa sono in grado di fare di fronte a quella situazione che non posso cambiare, passo dalla condizione di “vittima” che subisce tale situazione a persona che “agisce” una scelta di fronte alla stessa situazione. Quindi non subisco più ma accetto che le cose siano così e decido di muovermi in una direzione.

Si passa da avere un ruolo passivo ad avere un ruolo attivo. E certo che vorremo che le cose cambiassero come noi vogliamo, ma non possiamo più farlo e quindi l’unica cosa che possiamo fare è decidere dove stare rispetto a quello che sta succedendo.

Chiedo sempre ai miei clienti, in queste situazioni “che cosa sei in grado di fare?; cosa per te in questo momento rappresenta lo sforzo minore? Aspettare che lei o lui si chiarisca le idee o ricominciare la tua vita? Che cosa ti costa meno?”

Ricordando sempre che, soprattutto in queste situazioni, le cose cambiano e di giorno in giorno perchè siamo delusi, arrabbiati, addolorati, spaventati e tutte queste emozioni spesso si presentano in un meraviglioso minestrone difficille da gestire, per cui dobbiamo anche ricordarci che siamo in all’interno di una tempesta e che passerà presto.

Tutto passa e tutto serve a renderci persone migliore e, se sfruttiamo questo momento per riflettere sul nostro modo di fare e su cosa potremmo fare di diverso in futuro, non sarà tempo sprecato, anzi!

Come mai ci capita di rimanere delusi dagli altri? E come fare perché non succeda mai più?

Quante volte ti succede di rimanere delusa da una persona?

Quante volte sei entusiasta all'inizio di un rapporto e poi, poco dopo, rimani così delusa da non voler più frequentare quella persona così  da stravolgere completamente la percezione che hai dell'altro, rispetto a come era  all'inizio del vostro rapporto?

Sei partita così entusiasta che non ti sembra vero che l'idea che hai dell'altro si sia modificata così tanto e a volte in così poco tempo.

Read More

Come posso gestire la mia troppa sensibilità?

Tante volte ho raccontato di aver scoperto da grande di essere un'ipersensibile.

Dopo una vita  di sofferenza vera ,in cui mi sono sentita "diversa" ed in cui ho tentato faticosamente di adattare la mia percezione a quella degli altri, per essere accettata, ho scoperto la mia diversità e me ne sono appropriata .

A testa alta oggi dico che sono un'ipersensibile e sento sinceramente  di avere qualcosa in più e non qualcosa in meno. Una percezione completamente diversa dal passato che ha cambiato completamente la mia vita.

Read More

C'è sempre qualcuno che ne sa più di me......come eliminare il Guru di turno!!!

E' comune la tendenza di attribuire ad altri maggiori competenze, maggiore fascino, maggiori capacità.

Iniziamo molto presto, già da bambini e poi da adolescenti, a vedere nell'altro qualcosa che noi non abbiamo e che l'altro molto stesso spesso non si riconosce nemmeno lui.

E poi continuiamo crescendo a credere poco in noi e a credere di più nelle capacità dell'altro.

Read More

Donne tanto forti perchè infinitamente fragili e vulnerabili

Mi capita molto spesso di avere a che fare con donne che arrivano al mio studio distrutte e provate.

Da sempre conducono la loro vita affidandosi solo ed esclusivamente a loro stesse e ciclicamente si ritrovano a sentirsi deluse, frustrate per questo.

Pesa soprattutto quando i figli crescono e devono affrontare con fatica il giusto e sacrosanto processo di separazione da loro per farli crescere.

Mi dicono di essere stanche e di non poter contare sul loro compagno o compagna, di avere sempre provveduto loro alle esigenze della famiglia.

Read More

Quale amore è giusto e quale è sbagliato?

Quando mi chiedono se un amore è giusto o sbagliato mi riesce sempre molto difficile rispondere.

Parto dal presupposto che un amore, se ci fa star bene, sia sempre giusto e, se ci fa star male sia sbagliato.

Considerazione elementare ma, nella realtà le cose non stanno sempre esattamente così.

Una cosa che mi sorprende sempre è la capacità dell’essere umano di accontentarsi di una relazione infelice per moltissimi anni.

Read More

Saper mostrare la propria vulnerabilità.....è la strada per la realizzazione!

E’ bellissmo come la vita metta ognuno di noi davanti a cose che non puoi più evitare o scansare, ti dice in modo chiaro che è arrivato il tempo di affrontarle a petto pieno. 

E finche non lo fai lei ti ripropone costantemente lo stesso tema.

 Tutto questo lo trovo straordinario.

Read More

A saper invecchiare ci vuole classe

Quando mia figlia Camilla, da un giorno all’altro, si è svegliata adolescente, per me è stato uno schok!!

Si i figli crescono proprio da un giorno all’altro. Il giorno prima sono tutti coccole e abbracci ed il giorno dopo ti respingono ed anche con una certa determinazione, a cui noi mamme non siamo abituate. Non c’è una fase di latenza, avviene proprio così velocemente.

Per me è stata davvero difficile adeguarmi con questa velocità al cambiamento giusto e sano che Camilla chiedeva.

Read More

"Maledetta" Cenerentola ed il suo Principe Azzurro

Come definire un nuovo modello di riferimento da quello che ci è stato imposto dalla cultura

 Sono cresciuta in una famiglia tradizionale: padre che lavora e fa carriera e mamma che sta a casa ad occuparsi di figli e famiglia

Ho imparato presto che quello era un modello di riferimento a cui ispirarsi molto forte, nonostante i miei mi abbiano fatto studiare e mio padre, in particolare, mi abbia incoraggiato ad ottenere l’indipendenza economica.

Read More

Ho deciso......come fare davvero di un proprio desiderio un obiettivo realizzato!

Pochi giorni fa mi è successo qualcosa di straordinario. 

Una di quelle cose che ti riporta quasi per magia e con una forza incredibile a guardarti dall’esterno e a fare i conti qualcosa che vivi ogni giorno ma che ignoravo. Come se fino ad un attimo prima non ne fossi consapevole.

La cosa in sè è banale ma quello che mi ha fatto capire è potente.

Molti di voi sanno quanto da pochi anniio abbia cambiato la mia vita proprio attraverso il Counseling.

Read More

Come procedono le vacanze??

Come procedono le tue vacanze?

Hai aspettato un anno intero ne è valsa la pena?

Io ho l'abitudine di lavorare moltissimo, qualcuno dice che sono malata per il mio lavoro, è vero, mi piace da morire quello che faccio, non posso negarlo e questo mi porta a dedicare al mio lavoro tanto del mio tempo. E quando sono stanca, durante l'anno,  pianifico vacanze da fare con la mia famiglia.

Read More

Non puoi desiderare in "piccolo".......da che parte vuoi stare?

Da che parte vuoi stare??

Durante le vacanze si frequentano posti nuovi con ritmi, personee climi completamente diversi e capita spesso di innamorarsi di posti in cui addirittura pensiamo di voler andare a a vivere.

Per anni io stessaho desiderato sempre vivere in posti diversi da quelli in cui stavo e quando rientravo dalle vacanze avrei voluto trattenermi nel luogo in cui avevo appena trascorso le vacanzesempre più bello, più pulito, più accogliente del luogo in cui abitavo.

E così partivo con una sensazione di tristezza e di impotenza come se fossi costretta a rientrare e ad adattarmi a quella realtà.

E’ da qualche anno inveceche mi sono liberata di questa sensazione perché ho capito di aver scelto consapevolmente il posto in cui abito. E questa sensazione di aver scelto, mi ha liberata per sempre dalla sensazione di sentirmi vittima e costretta ad accettare la realtà.

Read More

Come trasformare la sensibilità in un punto di forza

In questi giorni ho letto un libro bellissimo che si intitola “Le persone sensibili hanno una marcia in più” di Rolf Sellin psicoterapeuta e coach in PNL, un collega posso dire, anche se non sono una psicoterapeuta né un Coach. Ma mi sento una collega per due motivi molto importanti:

  • il primo è che anche lui come me e come moltissimi colleghi da una sua situazione di disagio personale, ha fatto un grande lavoro di studio su di se’ fino a scrivere questo bellissimo libro e sentirsi pronto per lavorare con le persone perpoterle aiutare a risolvere il disagio e la sofferenza.
  • il secondo è che non è rigido nel suo modo di lavorare ma che, a seconda delle esigenze della persona che ha di fronte, utilizza la psicoterapia o il coach cercando di raggiungere l’obiettivo del benessere.
Read More

A proposito di persone con un carattere "difficile"...voglio dire la mia!!

Sono sempre stata definita una persona con un carattere "difficile"....

Da bambina infatti piangevo spesso ed avevo un evidente bisogno di attenzioni ed affetto che creava non pochi problemi ai miei genitori e a mio fratello che ha sopportato forse sacrificando molto se stesso.

Read More

Mia madre proprio non ha saputo amarmi...

Proprio qualche giorno fa mi trovavo di fronte ad una mia cliente che è cresciuta senza l'amore della sua mamma. Non perchè la mamma sia morta o perchè assente solo perchè la  non è stata in grado di manifestarle l'affetto che qualunque creatura merita. Non è riuscita a dimostrarle in nessun modo, anche  fisicamente, l'amore che certamente ha provato per lei.

Premesso che non c'è alcun giudizio in quello che scrivo nei confronti della mamme (sono mamma anche io) perchè sono convinta che ogni mamma provi per i suoi figli un amore talmente grande che non è in discussione; a volta però le mamme , non avendo ricevuto a loro volta, esempi di amore "affettuoso" sono totalmente incapaci nel dimostrarlo alle loro figlie.

Read More

Lascia tutto e.......Seguiti!!!

Ho passato la maggior parte della mia Vita a credere che gli altri fossero più di me.

Più bravi, più magri, più intelligenti, più creativi, più imprenditori etc…

Insomma sempre qualcosa in più di me.

Read More

Scelgo sempre il peggio per me!

Sono sempre stata una bambina molto sensibile ai limiti della patologia, direi e mi sono sempre sentita dire che avevo “le palle”; probabilmente, con il senno del poi, era un’esigenza del mio papà vedermi con le palle ed era allo stesso tempo una sua aspettativa.

Read More

4 suggerimenti pratici per migliorare la percezione del Tuo corpo!

E come ogni anno si presenta una situazione che potrebbe essere banale ma che per moltissime persone non lo è apparentemente : la prova costume!!

Non tutti si sentono a proprio agio nel mostrare il proprio corpo e questo provoca delle vere e proprie ansie, che causano talvolta l’evitamento di incontri, opportunità e molto altro.

Read More

5 suggerimenti per prepararsi alle vacanze senza stress

Ebbene si, ci siamo!!!

Finalmente stiamo facendo il conto alla rovescia per le tanto attese vacanze, così tanto attese che a volte ci deludono o ci sembra di non averle sfruttate come volevamo.

Durante l’anno e soprattutto in questa fase dell’anno, quando siamo proprio stanchi, alla fine di un grande sforzo, cominciamo a fantasticare sulle nostre vacanze che si avvicinano sempre più.

Read More