Come mettere insieme tutti i pezzi del puzzle.......istruzioni per le famiglie allargate!

In questi anni mi sono dedicata con passione alle famiglie "allargate", fenomeno molto presente nella società di oggi, io stessa appartengo ad uno di questi complessi sistemi e forse, proprio la mia esperienza personale, mi ha fatto capire, con il tempo, come funziona e come si può intervenire su essa.

Innanzitutto diciamo subito che la famiglia allargata è un sistema complesso e articolato e che per avere successo, un intervento di sostegno come il Counseling , è bene considerare ogni elemento e, se possibile, coinvolgerlo nel processo di cambiamento perchè è una macchina complessa che richiede che ogni pezzo giri con la stessa armonia.

Capite bene, da subito, quanto sia maggiormente impegnativo far funzionare tanti pezzi diversi e contemporaneamente. Pezzi che spesso si sono trovati insieme loro malgrado. Non è facile.

Ci vuole molta intelligenza e molta maturità, che spesso non c'è, diciamocelo subito. Dal mio punto di vista la famiglia allargata richiede (agli adulti) proprio queste due caratteristiche e se non siete disposti a mettervi in discussione, ve lo dico da subito, lasciate perdere!

Read More

Come gestire la tecnologia e gli adolescenti

Ma perchè nelle scuole non insegnano ai nostri figli l'uso vero della tecnologia? quello con cui avranno a che fare esclusivamente quando entreranno nel mondo del lavoro.

La tecnologia fa paura e lo capisco, conosco tutti i suoi pericoli, ma la tecnologia offre anche tantissime opportunità di crescita e condivisione che spesso ignoriamo.

Guarda il mio video e scopri in quanti modi possiamo migliorare il nostro rapporto con la tecnologia per aiutare i nostri figli

Read More

Come migliorare la comunicazione all'interno di una coppia

Partiamo subito con il dire che comunicare oggi è una delle capacità più difficili da trovare negli altri e forse anche in noi stessi. Non c'è mai tempo per comunicare e tutto viene comunicato attraverso la tecnologia per cui si perde proprio la capacità di relazionarsi e  di stare su quello che l'altro mi sta comunicando con una conseguente perdita di capacità di ascolto molto preoccupante.

Noi adulti, come ogni altro, subiamo questa nuova tendenza. L'arrivo della tecnologia nella nostra vita ha trasformato tutto nel bene e nel male, anche nella vita di una coppia.

Ci sono coppie che comunicano esclusivamente, durante il giorno, attraverso whattsup o messenger, perdendo l'abitudine ad ascoltare via telefono il tono della voce dell'altro, il silenzio, lo stato d'animo. Le emoticon certamente non possono sostituire tutto ciò.

Read More

Come gestire al meglio una nuova "Modern Family"?

Sarà che ci sono passata ma adoro la nascita di una famiglia allargata, un processo così complesso da richiedere una capacità quasi seriale.

La verità è che la nascita di una famiglia allargata non è una cosa  che porta necessariamente solo felicità, anzi spesso porta con sé rabbia e risentimento.

Ogni componente della famiglia volente o meno si trova a dover fare i conti con un cambiamento che non aveva messo in conto e a dover gestire  emozioni nuove e  a volte molto destabilizzanti.

Pensate ai figli che si trovano coinvolti in qualcosa che non hanno chiesto, magari a dover fare amicizia e a sopportare nuovi "fratelli" acquisiti. Io trovo che tutto ciò abbia in sé qualcosa di violento e  per questo non possiamo tenere conto dei loro sentimenti.

Ma pensiamo anche ai nonni che, con un approccio culturale magari molto differente, devono accettare (direi ingoiare) questa nuova situazione facendo i conti con tutte le emozioni ed il dispiacere per questo cambiamento. Ci sono nonni che , molto intelligentemente, si sforzano e accettano la realtà apparentemente senza problemi e nonni che, altrettanto molto intelligentemente, proprio non riescono ad accettare. E non li biasimo, semplicemente non hanno gli strumenti per accettare, è troppo lontano dall'educazione che hanno ricevuto. Come si fa a non capire?

Read More

Come mai ci capita di rimanere delusi dagli altri? E come fare perché non succeda mai più?

Quante volte ti succede di rimanere delusa da una persona?

Quante volte sei entusiasta all'inizio di un rapporto e poi, poco dopo, rimani così delusa da non voler più frequentare quella persona così  da stravolgere completamente la percezione che hai dell'altro, rispetto a come era  all'inizio del vostro rapporto?

Sei partita così entusiasta che non ti sembra vero che l'idea che hai dell'altro si sia modificata così tanto e a volte in così poco tempo.

Read More

Cosa fare se la tua famiglia d'origine non ti riconosce?........accettare....senza accetta!!!

La famiglia rappresenta per tutti noi il nostro punto di partenza, il nostro primo via.

Le nostre origini, le nostre abitudini, le nostre credenze, la nostra provenienza e la nostra appartenenza......ma molto spesso le cose non vanno esattamente così.

Indubbiamente c'è a chi è andata meglio e chi è andata peggio.

C'è chi si sente profondamente radicato alla propria famiglia e, nonostante le tante difficoltà comunque , la propria famiglia è sempre un porto sicuro a cui tornare.

Read More

Come è difficile lasciare andare un figlio adolescente

Quando una mamma arriva nel mio studio per difficoltà di comunicazione con il figlio o con la figlia adolescente, c'è sempre un grande dolore con cui fare i conti che non è sempre  così evidentemente.

Il dolore della mamma che viene abbandonata!

Si entra in conflitto con i figli adolescenti con grande facilità, perché non ci si capisce più; spesso i genitori non riconoscono più il loro figlio, non capiscono cosa stia succedendo.

Ed è vero, non c'è quasi più nulla di prima ed è giusto così.

Si perché è assolutamente sano e giusto che un figlio adolescente si ribelli al proprio genitore, fa parte della crescita: prendere le distanze e costruire la propria identità, per poi tornare, nella maggior parte dei casi, da adulto, al modello genitoriale, riappropriandosene ma a modo proprio, da adulti appunto.

Read More

Per ottenere un cambiamento sui figli i primi a doverci mettere in discussione siamo noi!

Qualche giorno fa ho visto in tv un programma di Michele Santoro che raccontava la nuova generazione romana di 16- ventenni.

Un scenario a dir poco raccapricciante in cui non si crede più in nulla e non esistono punti di riferimento.

In cui la tendenza più frequente è apparire e affrontare le difficoltà della vita fingendo, calandosi in realtà virtuali come la droga o la rete.

Si giudica l’altro esclusivamente per quello che ha e per il suo livello di popolarità fra i coetanei.

Tutto ciò alla luce del sole con il compiacimento dei genitori.

I ragazzi sono ragazzi, si sa, e sono lo specchio di quello che trasferiamo noi.

Read More

Saper mostrare la propria vulnerabilità.....è la strada per la realizzazione!

E’ bellissmo come la vita metta ognuno di noi davanti a cose che non puoi più evitare o scansare, ti dice in modo chiaro che è arrivato il tempo di affrontarle a petto pieno. 

E finche non lo fai lei ti ripropone costantemente lo stesso tema.

 Tutto questo lo trovo straordinario.

Read More

"Maledetta" Cenerentola ed il suo Principe Azzurro

Come definire un nuovo modello di riferimento da quello che ci è stato imposto dalla cultura

 Sono cresciuta in una famiglia tradizionale: padre che lavora e fa carriera e mamma che sta a casa ad occuparsi di figli e famiglia

Ho imparato presto che quello era un modello di riferimento a cui ispirarsi molto forte, nonostante i miei mi abbiano fatto studiare e mio padre, in particolare, mi abbia incoraggiato ad ottenere l’indipendenza economica.

Read More

Come procedono le vacanze??

Come procedono le tue vacanze?

Hai aspettato un anno intero ne è valsa la pena?

Io ho l'abitudine di lavorare moltissimo, qualcuno dice che sono malata per il mio lavoro, è vero, mi piace da morire quello che faccio, non posso negarlo e questo mi porta a dedicare al mio lavoro tanto del mio tempo. E quando sono stanca, durante l'anno,  pianifico vacanze da fare con la mia famiglia.

Read More

Non puoi desiderare in "piccolo".......da che parte vuoi stare?

Da che parte vuoi stare??

Durante le vacanze si frequentano posti nuovi con ritmi, personee climi completamente diversi e capita spesso di innamorarsi di posti in cui addirittura pensiamo di voler andare a a vivere.

Per anni io stessaho desiderato sempre vivere in posti diversi da quelli in cui stavo e quando rientravo dalle vacanze avrei voluto trattenermi nel luogo in cui avevo appena trascorso le vacanzesempre più bello, più pulito, più accogliente del luogo in cui abitavo.

E così partivo con una sensazione di tristezza e di impotenza come se fossi costretta a rientrare e ad adattarmi a quella realtà.

E’ da qualche anno inveceche mi sono liberata di questa sensazione perché ho capito di aver scelto consapevolmente il posto in cui abito. E questa sensazione di aver scelto, mi ha liberata per sempre dalla sensazione di sentirmi vittima e costretta ad accettare la realtà.

Read More

Come trasformare la sensibilità in un punto di forza

In questi giorni ho letto un libro bellissimo che si intitola “Le persone sensibili hanno una marcia in più” di Rolf Sellin psicoterapeuta e coach in PNL, un collega posso dire, anche se non sono una psicoterapeuta né un Coach. Ma mi sento una collega per due motivi molto importanti:

  • il primo è che anche lui come me e come moltissimi colleghi da una sua situazione di disagio personale, ha fatto un grande lavoro di studio su di se’ fino a scrivere questo bellissimo libro e sentirsi pronto per lavorare con le persone perpoterle aiutare a risolvere il disagio e la sofferenza.
  • il secondo è che non è rigido nel suo modo di lavorare ma che, a seconda delle esigenze della persona che ha di fronte, utilizza la psicoterapia o il coach cercando di raggiungere l’obiettivo del benessere.
Read More

A proposito di persone con un carattere "difficile"...voglio dire la mia!!

Sono sempre stata definita una persona con un carattere "difficile"....

Da bambina infatti piangevo spesso ed avevo un evidente bisogno di attenzioni ed affetto che creava non pochi problemi ai miei genitori e a mio fratello che ha sopportato forse sacrificando molto se stesso.

Read More

Mia madre proprio non ha saputo amarmi...

Proprio qualche giorno fa mi trovavo di fronte ad una mia cliente che è cresciuta senza l'amore della sua mamma. Non perchè la mamma sia morta o perchè assente solo perchè la  non è stata in grado di manifestarle l'affetto che qualunque creatura merita. Non è riuscita a dimostrarle in nessun modo, anche  fisicamente, l'amore che certamente ha provato per lei.

Premesso che non c'è alcun giudizio in quello che scrivo nei confronti della mamme (sono mamma anche io) perchè sono convinta che ogni mamma provi per i suoi figli un amore talmente grande che non è in discussione; a volta però le mamme , non avendo ricevuto a loro volta, esempi di amore "affettuoso" sono totalmente incapaci nel dimostrarlo alle loro figlie.

Read More

Lascia tutto e.......Seguiti!!!

Ho passato la maggior parte della mia Vita a credere che gli altri fossero più di me.

Più bravi, più magri, più intelligenti, più creativi, più imprenditori etc…

Insomma sempre qualcosa in più di me.

Read More

Le radici sono......ovunque Tu ti senta a casa!!

Quanto è importante conoscere le proprie radici?

E quanto è affascinante e, a volte doloroso, fare quel viaggio all'indietro che ci da modo di sapere tanto di noi?

A volte ci capita di non sentirci bene in famiglia, nel luogo che a noi dovrebbe essere più familiare al mondo e ci sentiamo in colpa per questo.

Voglio dirti che è una cosa non solo normale ma anche tanto diffusa e so bene quale dolore provochi.

 

Read More

Scelgo sempre il peggio per me!

Sono sempre stata una bambina molto sensibile ai limiti della patologia, direi e mi sono sempre sentita dire che avevo “le palle”; probabilmente, con il senno del poi, era un’esigenza del mio papà vedermi con le palle ed era allo stesso tempo una sua aspettativa.

Read More

5 suggerimenti per prepararsi alle vacanze senza stress

Ebbene si, ci siamo!!!

Finalmente stiamo facendo il conto alla rovescia per le tanto attese vacanze, così tanto attese che a volte ci deludono o ci sembra di non averle sfruttate come volevamo.

Durante l’anno e soprattutto in questa fase dell’anno, quando siamo proprio stanchi, alla fine di un grande sforzo, cominciamo a fantasticare sulle nostre vacanze che si avvicinano sempre più.

Read More

Qual'è la Tua esperienza con l'ansia?

Da quando ricordi di essere ansiosa? o ansioso? Da sempre?  clicca qua

Uomini e donne ne soffrono nella stessa misura, già.....è una di quelle cose che coinvolge i due stessi in egual misura. Pare che dieci milioni di italiani soffrano di ansia. Quello che cambia è il modo in cui lo esprimiamo: le donne più frequentemente con attacchi di ansia fino all'attacco di panico vero e proprio, l'uomo maschera di più riversando sul corpo questo disturbo: gastrite, colite, insonnia, malattie della pelle. 

Read More